Conti correnti remunerati

Nel panorama bancario attuale sono tantissime le proposte per i clienti che desiderano, non solo risparmiare, ma anche guadagnare qualcosa sui loro capitali. In questa direzione vanno i conti correnti remunerati con interessi, prodotti bancari di successo che garantiscono una rendita periodica ai correntisti.

Come funziona un conto corrente remunerato?

La giacenza dei risparmi sul conto corrente non è mai stata remunerativa, perché nei conti tradizionali non è previsto alcun tipo di rendimento per i capitali. Chi desidera far fruttare i suoi risparmi è spesso portato a effettuare investimenti finanziari che, tuttavia, non sono certo delle soluzioni sicure al 100% ma prevedono sempre un margine di rischio che, anche se minimo, non è sostenibile da tutti.

I conti vincolati, invece, obbligano il correntista a lasciare il suo capitale fermo per un determinato periodo di tempo prefissato, da un minimo di 6 mesi, durante il quale non ha nessuna disponibilità sul suo denaro. Ecco, quindi, che la soluzione di compromesso è il conto corrente remunerato, una via di mezzo tra un classico conto corrente bancario e un conto deposito vincolato.

Conto corrente IllimityBank

Il tasso di interesse al creditore non è certo elevato, anzi, ma al tempo stesso non prevedono alcun vincolo, lasciando quindi il correntista libero di disporre a piacimento del suo capitale, grazie anche alle carte di debito/credito associate. Il funzionamento dei conti correnti remunerati è abbastanza semplice, anche se nel dettaglio ogni banca applica delle clausole e delle condizioni specifiche differenti.

In generale, gli istituti bancari prevedono che al correntista venga riconosciuta una percentuale di interesse sul suo conto corrente, a patto che questo sia superiore a una determinata soglia.

Gli interessi vengono pagati in genere trimestralmente, semestralmente o annualmente, molto più raramente avviene il riconoscimento mensile delle somme maturate. Inoltre, proprio per incentivare i correntisti a far crescere il loro patrimonio, le banche prevedono percentuali di interesse crescente quanto più è cospicuo il capitale immobilizzato.

Costi di un conto corrente remunerato

A fronte del riconoscimento di un tasso di interesse sul capitale nel conto corrente, è innegabile che il correntista abbia l’obbligo di affrontare i soliti costi che sono previsti da qualsiasi corrente tradizionale, che comprendono inevitabilmente i bolli e il canone.

Tuttavia, questo era ovvio fino a qualche tempo fa, perché da diversi anni a questa parte è sempre più frequente l’abolizione dei costi di tenuta conto da parte delle banche, che in molti casi sollevano i loro clienti anche dal pagamento dell’imposta di bollo. Questo vale per tutti i conti correnti, anche per quelli remunerati: non sono rari i casi di istituti bancari che propongono promozioni per determinate tipologie di conti a zero canone o che abbattono i costi nel caso in cui sussistano particolari condizioni.

Entrando maggiormente nello specifico della questione, i conti a canone gratuito abbattono i costi di tenuta mensile del conto, che comprendono le spese burocratiche e per le operazioni. Questa è una pratica molto diffusa negli ultimi anni grazie all’introduzione dell’home banking, che rende il correntista autonomo in moltissime operazioni per le quali non è più obbligato a confrontarsi con un operatore allo sportello, abbattendo i costi per la banca.

Alcuni istituti bancari vanno anche oltre e si accollano per intero le spese per l’imposta di bollo (vedi anche conti correnti senza imposta di bollo), una tassa obbligatoria pari a 34,20 euro per le persone fisiche e 100 euro per tutti gli altri soggetti di imposta.

Si applica al momento dell’emissione di ogni estratto conto ed è relativo al periodo rendicontato e si applica anche se il cliente ha aperto e chiuso il conto corrente nello stesso anno. Le persone fisiche sono esentate per legge dal pagamento dell’imposta se la giacenza media è inferiore a 5.000 euro ma, come detto, sono molte le banche che preferiscono accollarsi il costo invece che farlo gravare sui loro clienti, anche quando il conto corrente è ben più florido.

ISC: l’Indicatore Sintetico di Costo a cui prestare attenzione

Prima di scegliere e di aprire qualsiasi conto corrente, è buona norma controllare con attenzione l’ISC, ossia l’indicatore sintetico di costo che indica esattamente il costo complessivo del prodotto bancario. Qualsiasi banca è obbligata a comunicarlo ai correntisti prima dell’apertura, secondo una direttiva della Banca d’Italia in merito alla trasparenza bancaria.

Conto corrente N26

L’ISC si trova nel foglio informativo che viene consegnato al cliente o che viene inviato tramite mail nel caso di banche virtuali. Si ricava sommando tutti i costi annuali del conto, sia quelli fissi che quelli variabili, in riferimento a sei diversi modelli standardizzati individuati dalla Banca d’Italia: giovani, famiglie suddivise in ulteriori tre livelli in base alla loro operatività, e pensionati, anch’essi suddivisi in ulteriori due livelli di operatività.

In questo modo si garantisce ai consumatori la massima chiarezza, che implica una maggiore facilità di confronto tra i prodotti proposti dai diversi istituti bancari. È fondamentale sottolineare che l’ISC fornisce un costo indicativo che può differire da quello effettivamente sostenuto a fine anno.

Tassazione mediante ritenuta alla fonte

I conti correnti remunerati, come spiegato fino a questo momento, garantiscono una rendita al correntista. Questa, in quanto tale, è soggetta a tassazione secondo il regime fiscale italiano. L’articolo 44 del D.P.R. n. 917 del 1986 definisce come redditi da capitale tutti gli interessi e i proventi che derivano da mutui, depositi e conti correnti.

Secondo il comma 2 dell’art. 26 del D.P.R. n. 600 del 1973, le banche sono tenute a trattenere il 26% con obbligo di rivalsa sugli interessi maturati dai correntisti.

Esistono delle eccezioni a questa norma, che in alcuni casi riducono l’aliquota di trattenuta alla fonte e, in altri, esentano completamente il correntista dal pagamento.

Recensioni conti correnti remunerati

BNL In Novo il Conto Start

BNL è una banca che vanta una solida tradizione nel campo del credito e del risparmio in quanto opera da oltre 100 anni, fin dalla sua fondazione nel 1913. Nel corso degli anni è stata in grado di rispondere in modo efficace alle nuove...

N.B.: questo conto non risulta più disponibile sul sito della banca.

IllimityBank

Conto Yellow

Tra le soluzioni CheBanca! più innovative e caratterizzate dal fatto di adottare un approccio multicanale si ricorda Conto Yellow. Si tratta di una versione in chiave leggera e moderna del tradizionale conto corrente, che garantisce una facile gestione anche online, l’accesso ai Titoli Mediobanca...

Conto Corrente Widiba

Widiba è una banca del Gruppo Montepaschi. L’idea della sua costituzione è partita nel 2013 ma, affinato il progetto iniziale, raccogliendo e realizzando vari spunti forniti dagli utenti, opera concretamente sul mercato online dall’autunno del 2014. Nata prefiggendosi l’obiettivo di mettere a disposizione della...

ContoMax

ContoMax di Banca IFIS è un conto corrente online ad alto rendimento in quanto si applica un tasso d’interesse crescente che può arrivare fino allo 0,95%. Si tratta di un prodotto bancario a canone gratuito che può essere gestito esclusivamente attraverso le modalità telematiche....

Conto N26

Brucoconto

Il Brucoconto è uno speciale libretto di risparmio che il Banco BPM dedica ai bambini nella fascia d’età tra 0 e 11 anni. Si tratta della soluzione ideale per valorizzare i loro risparmi, che consente versamenti in contanti e una remunerazione con interessi variabili...

Conto corrente Altroconsumo

Il Conto corrente Altroconsumo BCC for Web è riservato ai soci e agli affiliati Altroconsumo. Si caratterizza per applicare un tasso d’interesse crescente fino all’1% e per essere a canone gratuito. Inoltre consente di effettuare operazioni illimitate e mette a disposizione una carta di...

Conto corrente

Conto Corrente di IBL Banca è un conto a pacchetto che, a fronte del pagamento di un canone mensile, mette a disposizione le funzioni e i servizi per gestire la propria operatività quotidiana. Si tratta di un prodotto standard che però risulta essere molto...

Conto Corrente Completo

Il Conto Corrente Completo di BCC for Web appartiene alla categoria dei conti a pacchetto gestibili esclusivamente online. Infatti non è adatto per disporre le operazioni allo sportello e mette a disposizione dell’utente tutti i principali servizi e funzioni di un conto corrente pur...

IllimityBank

Conto TUTTO X TE

Banca Popolare di Puglia e Basilicata è un istituto di credito italiano fondato nel 1883, che ha la sua sede principale a Matera. La banca ha assunto la sua attuale denominazione soltanto in seguito ad una fusione, avvenuta nel 1995, tra Banca Popolare della...

Conto Pensione

Banca Popolare del Lazio è una società cooperativa per azioni con sede a Velletri. Nata nel 1904 col nome di Banca Agricola Pio X, per volere di Silvio Pellico, assume il nuovo nome solo a seguito della fusione con Banca Popolare di Terracina, avvenuta...

Conto Equipe

Banca Popolare del Lazio è una società cooperativa per azioni nata nel 1904 – originariamente come Cassa Agricola Pio X – su istanza di Silvio Pellico. La sua sede principale è situata nella città di Velletri. L’attuale nome deriva dalla fusione avvenuta nel 1994...

Conto tempodì

Banca Popolare del Lazio è una società cooperativa per azioni nata nel 1905 a Velletri – allora si chiamava Cassa agricola operaia Pio X – su richiesta di Silvio Pellico. Dopo la fusione con la Banca Popolare di Terracina cambia il nome in quello...

Conto 13-17

BPER Banca è una delle più importanti realtà bancarie italiane e propone un’ampia gamma di soluzioni, anche per specifiche categorie di utenza. Il Conto 13-17 è un conto corrente giovani specifico per ragazzi tra i 13 e i 17 anni d’età per consentire l’accesso...

Conto Consumatori

La Banca Popolare del Lazio ha sede a Velletri. Fortemente radicata nella regione, opera sull’intero territorio del Lazio da circa un secolo. Nata con il nome di Cassa Agricola Operaia Pio X, la banca ha preso vita all’interno del ricreatorio cattolico Silvio Pellico di...

Conto Ipotecario Ordinario Fondiario

Il Conto Ipotecario Ordinario Fondiario della Banca Popolare del Lazio è pensato per i clienti che necessitano sia di un conto corrente che dell’apertura di credito. Accendendo un’ipoteca si ottiene l’apertura del fido da parte della banca e si può prelevare dal conto corrente...

Primo Conto POSOWeb

Il conto corrente Primo Conto POPSOWeb è una proposta della Banca Popolare di Sondrio esclusiva per i giovani che appartengono alla fascia d’età tra i 14 e 18 anni non compiuti. Si tratta di un conto corrente giovani che integra tutte le funzionalità di...

Conto MULTIplus

MULTIplus è il conto corrente a pacchetto per risparmiatori privati e per famiglie che la Banca Popolare di Sondrio consente di strutturare a piacere in base alle proprie necessità e ai servizi di cui si ha bisogno. I costi variano a seconda della personalizzazione...

Conto BNL Pensione Facile

La Banca Nazionale del Lavoro, nota come BNL, è una delle banche più importanti a livello europeo. Fondata nel 1913 come Istituto di Credito per la Cooperazione, subisce negli anni un’evoluzione, espandendosi e divenendo una banca sempre più di maggior impatto a livello privato...

N.B.: questo conto non risulta più disponibile sul sito della banca.

BNL Kids

BNL (Banca Nazionale del Lavoro) nasce a Roma nel 1913, inizialmente come Istituto Nazionale di Credito per la Cooperazione. Nel 2006 la banca è passata sotto il controllo del gruppo francese BNP Paribas. Attualmente BNL si attesta come una delle maggiori banche italiane, potendo...

BNL In Novo il Conto Pratico new

La BNL Gruppo BNP Paribas, nata nel 1913 come Istituto Nazionale di Credito per la Cooperazione, fu fondata con l’obiettivo di essere l’istituto di riferimento per le società e le imprese italiane. Fu infatti la prima banca a concedere crediti a diversi importanti comparti...

N.B.: questo conto non risulta più disponibile sul sito della banca.